Grace e Frankie serie tv: nemmeno per i nonni dei Millennial è troppo tardi per amare

Avatar
20 Luglio 2019
1181 Visualizzazioni

Siete stufi di serie tv i cui protagonisti vi suggeriscono pensieri di autocommiserazione e fallimento? Allora perché non guardare una serie che non ha per protagonisti dei giovani rampanti o delle fighe da paura ma rappresentanti della terza età? Ecco a voi Grace e Frankie serie tv.

 

Trama Grace e Frankie

Grace (Jane Fonda) e Frankie (Lily Tomlin) hanno settant’anni, o forse più, e sono come l’acqua e l’olio. La prima attenta è stata ed è una bellezza, attentissima all’aspetto fisico e a quello che pensano gli altri, la seconda hippy e dedita a pratiche spirituali esotiche.

Ma da più di quarant’anni si frequentano perché i loro mariti, Robert (Martin Sheen)e Sol (Sam Waterstone), sono soci in affari. A dirla tutta, però, i due sono anche amanti e il loro coming out giunge inaspettato a stravolgere le vite di tutti, ma soprattutto quella delle due donne che si rifugiano nella comune casa al mare.

Oltre allo shock, dato che i mariti hanno pure deciso di ufficializzare la loro unione con un matrimonio, Grace e Frankie dovranno affrontare la solitudine e l’abisso caratteriale che le separa.

Mentre la prima si dà agli appuntamenti online, la seconda impesta casa di sacri incensi e nel frattempo tiene lezioni di pittura agli ex galeotti.

Tra screzi e battutine salaci le due donne cercano di trovare un equilibrio (bevendo strani infusi, andando per locali e, facendolo perdere nel frattempo agli ex mariti).

Recensione Grace e Frankie

Se togliamo l’ambientazione quasi del tutto wasp (non per intero dato che Sol è ebreo), questa serie Netflix ha dei protagonisti che sono di fatto i nonni di noi Millennial. Nonni che provano a navigare su internet, che fanno acquisti online, vivono una nuova liberazione sessuale e cercano di godersi la vita, ignorando i figli immaturi o maniaci del controllo.

Anche se il tema dell’omosessualità nella terza età potrebbe far pensare a una trovata a effetto, la prima stagione di Grace e Frankie, con i suoi buoni sentimenti e gli episodi esilaranti e salaci, ha il giusto mix di serietà e spensieratezza.

Insomma, Grace e Frankie ci insegna a guardare al di là del nostro naso di Millennial e può anche tirarci su il morale, perché in fondo ci dice che non è mai troppo tardi, né per amare né per andare nei locali e ballare sui tavoli.

 

LEGGI ANCHE:

Stranger Things 3 recensione a caldo: russi, zombie e stereotipi

Osmosis serie tv: un lentissimo mix tra indagine psicologica e fantascienza

After life serie tv, evviva l’humor nero che non risparmia vecchi e bambini