I due Papi, quello che devi sapere su questo film di fanta-chiesa (senza cazzotti)

Avatar
6 Gennaio 2020
1777 Visualizzazioni

La manata del Papa alla fedele che lo ha strattonato ci indigna? Ora abbiamo l’occasione di metterci nei suoi panni.

Forse noi avremmo fatto di peggio del Papa e neanche ci saremmo scusati, come invece ha fatto lui e pure in pubblica piazza.

Se tutta questa storia vi avesse suscitato curiosità verso il mondo ecclesiastico odierno potreste vedere I due papi.

Trama

Il film I due papi, uscito a dicembre su Netflix, racconta i presunti retroscena dell’addio di Benedetto XVI al soglio pontificio e della successione di Bergoglio.

Quello che il regista Fernando Meirelles tenta è un mix di fanta-chiesa con biografia mista a santini.

Infatti si parte dal Conclave del 2005, da cui Joseph Ratzinger fu eletto, per arrivare ai mesi precedenti il Conclave del 2013.

Un Bergoglio (interpretato da Jonathan Pryce) deciso a dimettersi dalla posizione di cardinale viene convocato a Castel Gandolfo da Papa Benedetto (Antony Hopkins) che è appena stato travolto dallo scandalo Vatileaks.

I due, che non sono mai andati particolarmente d’accordo, cominciano a conversare e a raccontarsi (più Bergoglio a dire il vero) la loro vita.

Tutto si gioca sull’opposizione tra Hopkins e Pryce, l’uno molto posato e teatrale, l’altro più naturale e misurato. I due partono da posizioni inconciliabili quasi ma poi… tutto si risolve.

Infatti Ratzinger chiarisce a Bergoglio che non si ritirerà finché non sarà sicuro che lui continuerà a essere cardinale e quindi eleggibile come Papa.

Regia e attori

Sebbene il film sia piacevole e le schermaglie tra i due Papi scorrano come una chiacchierata ironica e raffinata su teologia e politica, c’è qualche intoppo.

In primo luogo c’è una tendenza a fare il “santino” di Bergoglio a sfavore di Ratzinger, ma questo era abbastanza ovvio. Però per bilanciare il regista inserisce il tema della dittatura argentina di Jorge Rafael Videla (1976-1981). Nonché dei rapporti che Bergoglio avrebbe intrattenuto per diversi motivi con essa.

La scelta della regia di Fernando Meirelles è quella di mostrare un Bergoglio sinceramente affranto per non aver fatto abbastanza per alcuni preti durante il suo incarico di Generale della Compagnia di Gesù durante la dittatura e allo stesso tempo un Benedetto XVI che cerca di consolarlo.

Il resto del film scorre senza tensione, anzi più come una chiacchierata velata di ironia tra due vecchie conoscenze. E proprio qui sta il problema.

Che pizza, sto film

Che fine ha fatto la differenza di punti di vista tra i due? Dove le posizioni teologiche inconciliabili? Ci aspettavamo cazzotti metaforici (e forse non solo dopo lo schiaffone papale). Invece tutto finisce a tarallucci e vino. E in mezzo una pizza…

La sensazione che rimane alla fine è di aver assistito  a un’ottima prova di recitazione di Pryce e Hopkins, adorabili mentre si pizzicano vicendevolmente, inficiata da una prospettiva troppo parziale verso uno dei protagonisti e forse troppo semplicistica.

Peccato, infatti chissà quando ci ricapita un secolo con due Papi viventi?

Leggi anche: