Hallelujah di Leonard Cohen, una delle canzoni più belle e inflazionate della storia

Consuelo Crespi
21 Luglio 2019
849 Visualizzazioni

Ho rovinato un’intera conversazione con un ragazzo quando mi ha detto che la sua canzone preferita era Hallelujah. Quella del film di Shrek.

 

Quando una persona non capisce una suga di musica cresce in me un’intolleranza degna di un nazi in tempo di guerra, è una reazione incontrollabile, mi vien voglia di prendere tutti a palate sulla testa. Questo perché i miei genitori mi hanno cresciuta con l’ansia di indovinare titolo, cantante e data di ogni canzone che passava in radio, su un disco o in televisione: “Chi sono questi?” , “….. …. ….” , “Catzo, sono i Rolling Stones, non puoi non saperlo, non esiste che tu non riconosca la voce di Mick Jagger”.

Seguito da un indelebile sguardo di delusione e rassegnazione, che oggi rigetto involontariamente sugli altri. Mentre penso alle palate in testa.

Hallelujah di Leonard Cohen o la versione di Buckley?” Ho risposto con un velo di speranza negli occhi, perché in fin dei conti lui era anche carino.

“Non so, l’ho sentita nel film di Shrek”. MORTE, PALATE, E’ FINITA, ADDIOOO, MI FAI SCHIFO.

Questo raptus mi ha portato, successivamente, a riflettere su una delle più belle canzoni mai scritte, ma allo stesso tempo più inflazionate nella storia della musica: Hallelujah, il testo scritto da Leonard Cohen nel 1984.

Pensate un attimo al detto: “dare perle ai porci”. Perché basterebbe per sintetizzare la tristissima storia che ha portato alla rovina un pezzo meraviglioso.

Un lavoraccio, apparentemente inutile

Si dice che Leonard Cohen confessò all’amico Bob Dylan di aver impiegato più di due anni a scrivere il testo di Hallelujah. Mentì, in realtà ci mise più tempo, ma si vergognava ad ammetterlo. Scrisse più di 80 strofe, infatti il testo cambia a seconda delle versioni. Uno sforzo clamoroso per una canzone che, agli inizi, si rivelò un vero e proprio flop commerciale.

D’altronde il significato del testo di questa canzone rimane ancora oggi un mistero. Le immagini bibliche: “I’ve heard there was a secret chord, that David played, and it pleased the Lord”, si mischiano a scenari sessuali: “You saw her bathing on the roof, Her beauty and the moonlight overthrew you”, per poi concludersi con quell’Hallelujah, che è allo stesso tempo un grido di disperazione e gioia:the holy or the broken”.

Sicuramente si tratta di una canzone che riflette sulla condizione umana, racconta la nostra intimità più profonda attraverso suggestioni e immagini mistiche. La voce di Cohen è calma e riflessiva ed entra in contrasto col ritornello corale, angelicato.

Je so’ pazzo?

Le case discografiche lo ritennero pazzo per questo pezzo contorto, ma come al solito si sbagliarono, perché divenne una delle composizioni più durature della musica pop, un grande classicone.

Ma esiste poco di Cohen nella canzone che oggi conosciamo e sicuramente non è stata la linea melodica a renderla famosa. Il vero successo arrivò nel 1994, quando Jeff Buckley inserì la sua versione nell’album Grace, regalandoci l’Hallelujah che noi tutti amiamo.

Da quel momento il testo, raggiunse una saturazione pop-culturale che più comunemente associamo ad artisti come Jennifer Lopez. Non esiste molta differenza tra Taylor Swift e il testo di Hallelujah entrambi vanno forte in tutti i programmi commerciali. Il motivo? Probabilmente con la morte di Jeff Buckley tutti si interessarono al suo unico album, e Hallelujah, nella sua versione, è sicuramente un pezzo di grande impatto.

 

 

…E poi è diventato un testo bottana industriale

 

Il testo di Hallelujah è stato riproposto e reinventato da così tanti artisti che si è trasformato in un inno secolare, un pilastro della musica pop. Celine Dion, Bono, Alicia Keys, Bon Jovi sono solo alcuni nomi che hanno reinterpretato il pezzo, sgualcendolo sempre di più.

 

Poi c’è stato il colpo grosso per la generazione Millennial quando la canzone è stata inserita in una delle scene più traumatizzanti nella storia della televisione: la morte di Marissa in OC, che l’ha direttamente portata nell’olimpo dei brani storici e indimenticabili.

Ora, sicuramente, da qualche parte del mondo ci sarà qualcuno che la sta utilizzando per un funerale, un battesimo o un matrimonio… così a caso, perché percepisce che è un po’ religiosa e un po’ romantica, perché è un grande classicone.

 

 

Purtroppo si è perso tutto. Ogni briciolo di questa poesia, che ha impiegato più di due anni a nascere, svanisce ogni volta che una 16 enne fa la sua cover ad X Factor ammettendo che: “tutto ciò che ho imparato dall’amore è come sparare a chi è stato più lesto di te”. Parole profonde che svaniscono in un totale non sense appena il giudice si complimenta per la sua intonazione e lei torna dietro le quinte soddisfatta.

Non dico che oggi il testo di Hallelujah non sia bello, ma non ha più la bellezza complicata e immersa nella tristezza delle versioni originali di Cohen e Buckley. Dico che Shrek e i suoi compagni non ci hanno capito nulla, trasformando una poesia sulla fragilità umana, in una gara canora o in un bel sottofondo per un film. QUANTE PALATE!

 

 

Hallelujah testo

 

Now I’ve heard there was a secret chord

That David played, and it pleased the Lord

But you don’t really care for music, do you?

It goes like this

The fourth, the fifth

The minor fall, the major lift

The baffled king composing Hallelujah

Hallelujah (x4)

Your faith was strong but you needed proof

You saw her bathing on the roof

Her beauty and the moonlight overthrew you

She tied you

To a kitchen chair

She broke your throne, and she cut your hair

And from your lips she drew the Hallelujah

 

Hallelujah (x4)

 

Baby, I’ve been here before.

I know this room, I’ve walked this floor.

I used to live alone before I knew you.

I’ve seen your flag on the marble arch,

But (listen) love is not some kind of victory march,

No, it’s a cold and it’s a very broken Hallelujah!

 

Hallelujah (x4)

 

There was a time you let me know

What’s really going on below

But now you never show it to me, do you?

I remember when I moved in you,

And the holy dove she was moving too,

And every single breath that we drew was Hallelujah!

 

Hallelujah (x4)

 

Maybe there’s a God above,

As for me, all I’ve ever seemed to learn from love

Is how to shoot at someone who outdrew you.

Yeah but it’s not a complaint that you hear tonight,

It’s not the laughter of someone who claims to have seen the light

No it’s a cold and it’s a very lonely Hallelujah

 

Hallelujah traduzione

Ho sentito di un accordo segreto
Suonato da David e gradito al Signore (1)
Ma a te della musica non importa poi molto, vero? (2)
Beh, fa così:
Il quarto, il quinto
Il minore scende, il maggiore sale
Il re perplesso compone l’Alleluja (3)

Alleluja (x4)

La tua fede era salda ma avevi bisogno di una prova
La vedesti fare il bagno dalla terrazza (4)
La sua bellezza e il chiaro di luna ti vinsero
Lei ti legò
Alla sedia della cucina
Ti spaccò il trono, ti rase i capelli (5)
E dalle labbra ti strappò l’Alleluja. (6)

Alleluja (x4)

Dici che ho pronunciato il Nome invano
Ma se non lo conosco nemmeno il Nome
Ma anche se fosse, a te poi cosa importa? (7)
C’è un’esplosione di luce
In ogni parola
E non importa se tu abbia sentito
La sacra o la disperata Alleluja (8)

Alleluja (x4)

Ho fatto del mio meglio, non era granché
Non provavo nulla, così ho provato a toccare (9)
Ho detto il vero, non sono venuto per prenderti in giro (10)
E anche se
è andato tutto storto
Mi ergerò davanti al Dio della Canzone
E dalle mie labbra altro non uscirà che Alleluja (11)

Alleluja…

 

 

LEGGI ANCHE:

Testi reggaeton come Con calma di Daddy Yankee sono libertari, o machisti?

Mammastomale ma Salmo sta benissimo: qui è all’ennesima salmenza

Jovanotti e il Jova Beach Party, la verità che nessuno ha il coraggio di dirgli