Quali sarebbero gli effetti della Bomba H se colpisse l’Italia?

14 settembre 2017
24 Condivisioni 1287 Visualizzazioni

La notizia bomba degli ultimi giorni riguarda il nostro beneamato Kim Jong-Un. A quanto pare, ha scoperto la ricetta della (sua) felicità, ovvero la formula per devastare il pianeta con gli effetti della bomba H.

Il Millennial medio, che grazie al cielo non si è mai ritrovato in mezzo a una guerra mondiale, che solitamente è poco interessato alle armi, si chiederà: quali sono di preciso gli effetti della bomba H?

Una bomba H è una bomba a idrogeno (H sulla tavola degli elementi appunto sta a rappresentare l’idrogeno) ed è un tantino più disastrosa rispetto ad una “banalissima” bomba atomica. Secondo alcuni studi, una bomba H sarebbe in grado di provocare un’esplosioni 3.000 volte più potente rispetto alla bomba atomica che colpì Hiroshima nel 1945.

E quindi, se colpisse l’Europa o, nel caso peggiore, l’Italia?

1. Toxic Avengers

Avete mai visto il film Toxic Avengers? E’ un film trash/splatter degli anni ’80 dove un ragazzino, contaminato da rifiuti tossici, diventa un mostro con una forza soprannaturale, ma con un cuore d’oro, quindi una specie di Elephant Man che salva la gente con i suoi poteri.

Tornando a noi, immaginatevi una nazione, o addirittura un continente, di Vendicatori Tossici. “PAURA EH!” (cit.)

Tasso di probabilità: Estremamente basso. Prima di ridurci in queste condizioni verremmo uccisi per le ustioni presentate.

2. Città “metropolitane”

Dmitrij Gluchovskij nel 2002 scrisse un romanzo intitolato “Metro 2033” ambientato in una Mosca post-apocalittica, dove i sopravvissuti ad una guerra atomica sono costretti a vivere nella metropolitana per non essere contagiati da radiazioni e, soprattutto, per non essere uccisi dai mutanti nati in seguito all’esplosione della bomba atomica.

Immaginatevi i superstiti italiani rifugiati nelle metropolitane delle città e pensate al basso grado di sopravvivenza di un Millennial sottoterra.

Tasso di probabilità: IMPOSSIBILE! Un Millennial non sopravviverebbe mai senza rete cellulare, senza specchio, senza serie tv, e, soprattutto, non sopporterebbe il cattivo odore della metropolitana per più di 2 giorni.

 3. S.T.A.L.K.E.R.

Nel 2017 tutti pensiamo che lo stalker sia essenzialmente legato a smartphone, donne, restrizioni e “Ai cam?!“, ma, subito dopo l’esplosione della centrale nucleare di Chernobyl, la figura dello stalker era tutt’altro.

Il termine stalker in italiano significa sciacallo, quindi il lavoro di questo losco figuro era quello di “sciacallare” le zone più vicine alla centrale per rubare gli oggetti di valore integri.

Un po’ come nella pubblicità dell’Amaro Montenegro, ma il sapore era più vero e gli antichi vasi erano gli unici oggetti che non venivano portati in salvo.

Gli stalker sono talmente “tristemente noti” che nel 2007 la casa di sviluppo THQ ha sviluppato una serie di videogiochi fantascientifici intitolati “S.T.A.L.K.E.R.” ambientati nella centrale di Chernobyl stessa.

Tasso di probabilità: Elevato. Pensate gli arraffoni degli aperitivi che lavoro faranno dopo l’esplosione di una bomba H.

4. OGM

La contaminazione, uno degli effetti della bomba H, colpirà anche il terreno, quindi quei pochi frutti che ricresceranno potrebbero essere dei veri e propri OGM. Pensate a una carota di 2 metri o a una mela grande come la piazza di un paese.

Il vero problema diventa cucinarle e, soprattutto, chi lo racconta ai nazi-vegani che non sono più prodotti salutari?

Tasso di probabilità: 50 e 50, intanto vediamo se crescono, poi ne riparliamo.

5. “Fuga da…” (il nome della tua città)

Scenari come “Fuga da Los Angeles” e “Fuga da New York“, criminalità dilagante, pochi eroi di turno, i povery morti o soggiogati e i ricchi rinchiusi nelle loro ville.

Ora chiudete gli occhi e pensate di essere Iena Plinsky in una Milano abbandonata e senza ghisa.

Tasso di probabilità: Elevato, ma solo dopo un periodo indefinito di decontaminazione. Ah già, di Iena Plinsky ce n’è uno solo!

Questi elencati sono solo alcuni dei possibili cambiamenti che potrà subire la nostra penisola per gli effetti della bomba h, anche se noi tutti sappiamo che sono solamente visioni ottimistiche.

Nel dubbio, vi consiglio di iscrivervi a un corso di tacfit solamente per farvi ritrovare in forma nel caso dobbiate sopravvivere in queste condizioni.

 

Per sapere come vivono questa tragica eventualità in Giappone, leggi anche: Nord Corea e attacco al Giappone 

Potrebbe interessarti

La Milano Fashion week settembre 2018 ha riaperto la piaga delle calze femminili
Moda
34 visualizzazioni
Moda
34 visualizzazioni

La Milano Fashion week settembre 2018 ha riaperto la piaga delle calze femminili

Anna Giulia Bevilacqua - 24 settembre 2018

Nel best of della Milano Fashion Week settembre 2018 rientrano di certo i collant della collezione Moschino realizzata da Jeremy…

Festival della Statistica: i millennial non si riproducono. Rischio estinzione
Famiglia
33 visualizzazioni
Famiglia
33 visualizzazioni

Festival della Statistica: i millennial non si riproducono. Rischio estinzione

The Millennialist - 24 settembre 2018

Andate, andate nei bordelli delle bambole di silicone: fra 100 anni in Italia ci saranno solo 16 milioni di abitanti…

Morire di Selfie: la storia del fotografo che decomponeva la gente
News
2 condivisioni143 visualizzazioni
News
2 condivisioni143 visualizzazioni

Morire di Selfie: la storia del fotografo che decomponeva la gente

Mordeicani Richler - 23 settembre 2018

Morire di selfie. Racconto su un fotografo che si è suicidato per immolarsi alla suprema arte dei Millennial. Giorgio era…