fbpx

STUDIO 666, la horror comedy dei Foo Fighters

26 Giugno 2022
263 Visualizzazioni

C’è tempo sino a mercoledì 29 giugno 2022 per vedere nei cinema italiani STUDIO 666, la horror comedy dei Foo Fighters, un film che ha come padrino spirituale John Carpenter.

La trama si basa sul ritiro – più demoniaco che spirituale – della rock band capitanata da Dave Grohol ad Encino, in California, dove si traferisce per registrare il proprio decimo album. La sede scelta è una villa maledetta, dove decenni prima un rocker posseduto dal demonio è entrato in contatto con forze oscure i cui spiriti maligni ancora albergano nella losca magione.

Il film alterna momenti di puro horror con punte splatter a fasi di humor molto british, con particolare attenzione nel raccontare con la dovuta dose di ironia e autoironia l’ego ipertrofico di una rockstar come Dave Grohol, sopportato in certi momenti ben oltre il dovuto dagli altri componenti della band, ovvero il bassista Nate Mendel, il chitarrista Pat Smear, il batterista Taylor Hawkins, il chitarrista solista Chris Shiflett e il tastierista Rami Jaffee.

 

Horror e Humor

La pellicola scorre rapidamente, adatta a un pubblico che sa affrontare i film dell’orrore dando loro il giusto peso, ovvero qualcosa di autenticamente surreale grazie al quale distrarsi dalla quotidianità per quasi un paio d’ore: adatto ai fan dei Foo Fighters ma anche a chi appunto si diverta di fronte il sangue che scorre a fiotti e non aspetti altro di capire chi sopravvivrà alla fine del film.

Il tutto tenendo presente che Grohol ha una qual certa dimestichezza (anche) con le telecamere, come abbiamo già avuto modo di ricordare raccontando il documentario What Drives Us. STUDIO 666, uscito nei cinema americani lo scorso febbraio, è distribuito nelle sale italiane da Nexo Digital. L’elenco delle sale italiane dove trovarlo in questo link.

Leggi anche: