Problemi se Costa Crociere comunicasse con la pornostar Danika Mori?

Avatar
19 Febbraio 2020
1915 Visualizzazioni

Tutti sanno che! Tutti, tutti sanno che (cit. Bello Figo)… Danika Mori è in crociera su una nave Costa Crociere. Tutti lo sanno perché seguono la coppia di Danika Mori e Steve Mori su Instagram o Tik Tok.

Chi è Danika Mori?

Non è che siamo pettegoli, è che Danika ha veramente conquistato il cuore di tutti con quella sua semplicità e naturalezza. Quindi la seguiamo anche fuori da Pornhub.

Non si sa però se Danika e Steve si stiano concedendo una vacanza di svago o stiano lavorando. Già, perché per loro i due campi sono felicemente ibridi e possiamo dire che lavorino divertendosi. Volendo azzardare c’è da scommettere che i due faranno l’amore in crociera. Potrebbero perfino farsi anche un video di quelli che poi finiscono su Pornhub con dieci milioni di clic. Anzi, tutti speriamo che lo facciano.

Anche perché conoscendo i video dei due ragazzi siciliani sappiamo che amano il sesso in alberghi, spa, stanzette romantiche e spoglie terrazze o bagnetti eterei, in cui tante coppie vanno a passare un momento di unione.

Questa riflessione ci da l’assist per virare su un altro argomento.

Danika Mori e Costa Crociere

Steve e Danika come ogni coppia di influencer di sicuro vengono ospitati, invitati ad eventi, brandizzati, chiamati a pubblicizzare prodotti che fanno vedere alle loro centinaia di migliaia di fan sui propri canali. Per un brand è chiaramente più efficace affidarsi a degli influencer che a un’agenzia di comunicazione. Specie se sei un brand che vende emozioni, viaggi, ricordi. Cosa c’è di più bello di una vacanza di coppia? Cosa c’è di più bello che trombare in vacanza? E di trombare su una nave nel mezzo all’oceano? Niente!

Così ho chiamato l’ufficio stampa di Costa Crociere e ho posto una domanda: «La coppia di Danika e Steve Mori, è per caso ospite di Costa o sono dei normali clienti?».

Costa ha offerto a due porno attori una crociera da sogno pur sapendo che avrebbero girato del materiale che sarebbe poi stato visto da decine di milioni di utenti, perché sperava che un po’ di loro avrebbe poi fatto una crociera? Dall’altra parte della cornetta, il gelo. Un signore mi ha detto con imbarazzo di non sapere chi fosse Danika Mori e una volta che glielo ho spiegato mi ha rassicurato ridendo (credo) che senza ombra di dubbio sono due clienti. Ovvero, Costa nega ogni coinvolgimento.

Solo che personalmente ho forti dubbi. Figurati se quei due non sono ospiti sulla nave. Ormai credo non debbano più pagare per certi viaggi e questo mi ha fatto pensare che in un mondo ideale non ci sarebbe niente di male che una compagnia di viaggi per mare volesse pubblicizzarsi sui canali pornografici. Sarebbe stupendo, ma solo in una società ideale, perché nella nostra certe cose non si possono dire.

Si incazzerebbero i coppisti, le femministe, i perbenisti, gli anti porno, i no-fap, la Chiesa, gli intellettuali. Tutto per una scopata! Maddai. Succederebbe il solito pantano quotidiano in cui tutto si mischia in un unico frullato di merda in cui è impossibile distinguere la merda buona dalla merda cattiva. Costa non riuscirebbe a difendersi dagli attacchi dei beoti da tastiera e tornerebbe nell’abisso Schettino da cui pare che sia uscita abbastanza bene. E questo mi fa pensare che siamo sempre lì a menarcela che sono tutti più evoluti di noi, tipo gli scandinavi, gli americani, tutta gente che non se la mena per quello che è. Quando invece saremmo i più fighi del mondo se solo accettassimo le nostre contraddizioni.

Steve e Danika Mori fanno bene a fare quello che fanno, sono stupendi. Costa farebbe di sicuro un’ottima campagna pubblicitaria finendo su Pornhub con l’artista italiana più cliccata e ormai sulla bocca di tutti. Noi non lo sapremo mai, ma almeno lasciateci sognare un mondo dove essere liberi è possibile.

Leggi anche: