Sesso con la fidanzata. Che fare se intanto pensi alle altre?

13 settembre 2017
6 Condivisioni 1142 Visualizzazioni

È davvero possibile, dopo due o tre anni di relazione, fare sesso con la fidanzata pensando… a lei?

Si può essere bravi belli giusti, ma al grifon non si comanda. Se lui, là sotto, s’è annoiato, puoi avere per lei tutto l’affetto e la stima del mondo ma idraulica e cuoricini hanno poco in comune. Fare l’amore con lei e intanto pensare a una collega bionda, a una tabaccaia mora, a un’amica pelata, piuttosto che concentrarsi sul quel caro vecchio corpo di cui conosci umori, odori, voglie, nei e millimetri da troppo tempo. Ecco di che stiamo parlando. Una condanna, una viltà, certo. Una sottile e silenziosa forma di tradimento. Un’ipocrisia. È così importante il contatto fisico con l’amante? Se chiudi gli occhi e ti immagini che l’altra donna sia lì, addirittura sovrapponendo la sua maschera alla faccia della tua ragazza, non sarà addirittura peggio di un tradimento classico, che almeno non sfrutta il povero corpo svalutato della tradita?

Ma quali sono i modi per fare sesso con la fidanzata senza bisogno di pensare a un’altra dopo anni di relazione?

 

  1. Non fare sesso con la tua fidanzata per un po’ di tempo. Inventati qualche scusa, il solito mal di testa, lo stress, la Serie Tv da cui non riesci a scollarti fino a quando s’è fatto troppo tardi e “domani mi devo alzare presto”. Il tuo pisello perderà l’abitudine al corpo di lei, come quando te ne vai in vacanza in qualche posto esotico e dopo giorni e giorni di pollo speziato e intrugli vari, poi torni e ti sembra di mangiare per la prima volta gli spaghetti.

 

  1. Legati la mano dietro la schiena. Ovvero, basta seghe. Almeno per un po’. Resisti, che poi se ti abitui a Youporn, rischi ti scappi uno sbadiglio mentre sei in posa del missionario con la tua ragazza. Nella realtà le studentesse non violentano il professore imbavagliandolo col la cravatta. Nella realtà una ceretta costa 50 euro.

 

  1. Concentrati sui difetti delle altre. Quelle a cui altrimenti penseresti mentre fai sesso con la tua fidanzata, quelle pronte a sostituirla nella tua perversa fantasia da eterno ragazzino viziato. Ecco, anche loro sono dei concentrati di imperfezioni e inestetismi. Analizza un brufolo fino a scovare la testa gialla del pus, studia la ricrescita di peluria bruna sugli avanbracci, scova gli alluci valghi rintanati tra le fessure dei sandali. La tua ragazza tornerà, per contrasto e per magia, subito eccitante.

 

  1. Falla sembrare un’altra. Come cadendo dalle nuvole, commenta con “apperò” e “mica male così” la foto di un’attrice con un nuovo taglio di capelli. Inoculale il sospetto che sia tempo di cambiare qualche cosa. A volte basta un caschetto e una tinta rossa per salvare un rapporto, per un po’.

 

  1. Spera che vada a letto col meccanico. Nulla tonifica l’appetito sessuale quanto la gelosia. Quel corpo, diventato per te così scontato, d’un tratto viene desiderato da altri. E tu ti ricordi che è un problema tuo, se non hai più erezioni, mica della tua ragazza L’erezione è emanazione quasi automatica del desiderio di possesso. Un sorriso malizioso della tua fidanzata al meccanico non ti farà prudere solo le mani.

 

Leggi anche: Misurare la lunghezza del pene. Un’idiozia? Noi maschi facciamo di peggio

Potrebbe interessarti

Dove andare in vacanza a settembre se sei un millennial con una settimana al massimo
Viaggi
15 visualizzazioni
Viaggi
15 visualizzazioni

Dove andare in vacanza a settembre se sei un millennial con una settimana al massimo

The Millennialist - 20 agosto 2018

Sono decenni che gli italiani tentano di raccontarsela: che andare in vacanza a settembre è meglio, che c'è meno gente.…

L’estate sta finendo: non riuscire a immaginare un futuro all’altezza del passato
Cultura
1 condivisioni58 visualizzazioni
Cultura
1 condivisioni58 visualizzazioni

L’estate sta finendo: non riuscire a immaginare un futuro all’altezza del passato

Mordeicani Richler - 19 agosto 2018

L'estate sta finendo dei tamarrissimi Righeira vinse il Festivalbar nell'ormai lontano 1985, anno in cui i Millennial al massimo nascevano…

La 1 giornata serie A 2018 non è solo calcio: è una promessa di rinascita che ci consola dalla fine dell’estate
Forma
3 condivisioni62 visualizzazioni
Forma
3 condivisioni62 visualizzazioni

La 1 giornata serie A 2018 non è solo calcio: è una promessa di rinascita che ci consola dalla fine dell’estate

Mordeicani Richler - 17 agosto 2018

Anche con la fine dell'estate la vita continua. Riprendono i riti sempre uguali, le consolazioni dell'autunno, le abitudini che danno…