Il corteo anarchico a Milano: millennial e anarchia, quali prospettive?

6 maggio 2018
2 Condivisioni 545 Visualizzazioni

Al corteo di Milano gli insurrezionalisti erano in 200, male in arnese, troppo griffati, troppo vecchietti

Lasciati soli con se stessi gli anarchici hanno affrontato il corteo anarchico contro l’Eni a Milano il 5 maggio (Ei fu, siccome immobile). Un corteo esiziale, corto, con la fiaccola smorzata. La generazione in auge come si deve comportare, che cosa deve pensare di fronte a qualcosa che è nato da nobilissimi ideali e alla fine, sfruttato da ideologie rivoluzionarie similari, da destra a sinistra, si ritrova così sfiorito? The Millennial non sposa posizioni politiche, ma ci tiene che tutti i liberi pensatori, tutti, si possano esprimere. Dignitosamente e senza menare le mani.

Analisi 1 – Mozione stile

Insomma, un corteo anarchico, anti multinazionali, anti padroni non può andare in scena contravvenendo a ogni minima coscienza no logo. Tra i marchi esibiti, come potete vedere nelle immagini: New Balance, Puma, Adidas, Boxeur des rues, Ray Ban, Vans, Eastpack, Levi’s, Nike, Apple, SneakerFreak.

Consiglio:

fondare, subito, un sartorialist anarcoide. Badate bene, il problema non è soltanto quello dei marchi di streetstyle, ma ben più grave. L’anarco-insurrezionalista modello non può sposare uno stile genderless (vedi foto sotto) che sembra disegnato da Alessandro Michele di Gucci. Ma cosa cavolo vi salta in mente?

Analisi 2 – L’età dell’anarchia

I rivoluzionari anziani incutono tenerezza rispetto e ammirazione. Nell’autunno del loro scontento, tenendosi per mano o reggendo una bandiera palestinese fresca di bucato.

Sottolineano la sproporzionata presenza di forze dell’ordine al corteo contro l’Eni del 5 maggio. Forze che hanno fermato alcune auto, dentro c’erano dei bastoni. Forse erano per andare a funghi? Si sa che è uno dei passatempi più amati dai pensionati. Tant’è. Ma queste anime militanti senza età ci dicono anche che non ci sono giovani anarchici. O pochissimi. E perché dunque?

Consiglio:

Ripartite dalla musica. Sì ma non Guccini e De André. Qualche indie, per Bacco!

In ogni caso, il corteo anti Eni merita un plauso: «Le previsioni della vigilia fortunatamente non si sono realizzate», dicono, usando una formula di rito, i giornali seri.

Le varie realtà dell’antagonismo militante erano prive al loro interno delle frange più dure, inclusi i black bloc, migliori amici delle ditte che operano nel campo delle vetrine per le banche. I bancomat infatti non hanno riportato danni e alcuni manifestanti ne hanno approfittato per prelevare qualcosa per il dopo corteo. L’Amsa, inesorabile e in forze dietro i plotoni dei Carabinieri, non ha potuto che raccogliere qualche cartaccia e sigarette spente.

(I diritti delle immagini sono di themillennial.it ©2018)

 

LEGGI ANCHE:

Clamorose rivelazioni da un allievo di Felice Spicocchi, il prof che fa gli auguri a Hitler

Che cosa rispondere se ti imbarazzano le domande sul tuo voto alle elezioni

Generazioni al bivio: Yoko Ono può essere un’icona millennial?

Chi lascia la SIAE è veramente un musicista libero e indipendente? Risponde Enrico Ruggeri

Potrebbe interessarti

Ripercorriamo l’anno tramite i principali trend Instagram 2018: perché tutti questi cuoricini?!
Internet
35 visualizzazioni
Internet
35 visualizzazioni

Ripercorriamo l’anno tramite i principali trend Instagram 2018: perché tutti questi cuoricini?!

Anna Giulia Bevilacqua - 14 dicembre 2018

Il 2018 volge al termine ed è arrivato il momento di tirare le somme. Ma, se per la vostra vita…

Difendere Sfera Ebbasta: lo fanno i giornali dei vecchi ed è pubblicità occulta
News
2 condivisioni30 visualizzazioni
News
2 condivisioni30 visualizzazioni

Difendere Sfera Ebbasta: lo fanno i giornali dei vecchi ed è pubblicità occulta

The Millennialist - 13 dicembre 2018

Il cantante di Cinisello è colpevole o innocente nel caso della tragedia di Corinaldo? All'indomani della tragedia di Corinaldo, mancava…

Il nome della rosa significato: ci ricorda che Google non ha tutte le risposte
Arte
11 condivisioni52 visualizzazioni
Arte
11 condivisioni52 visualizzazioni

Il nome della rosa significato: ci ricorda che Google non ha tutte le risposte

Valeria Mangano - 13 dicembre 2018

Se dico Il nome della Rosa probabilmente pensate prima a Sean Connery e solo dopo a Umberto Eco. Questo perché…