Errori nella vita: da quelli che hanno cambiato la Storia alla gatta Ramona

Consuelo Crespi
7 Ottobre 2017
2583 Visualizzazioni

Sbagliare non è bello, eppure lo fanno tutti. Ma, senza errori nella vita, dov’è la vita? Prendete il caso di un social media manager della NPR che, qualche giorno fa, ha pubblicato accidentalmente sulla pagina social aziendale un post su una certa Ramona, forse il suo gatto, forse sua figlia. La creatura era stata contenta di ricevere un nuovo giocattolino. Il post (sbagliato) ha provocato un aumento esponenziale dei follower della pagina, è diventato virale e ha accumulato più di 20.000 reazioni e commenti. Un caso unico nella storia? Non proprio.

 

L’identità di Ramona non è ancora certa, ma il web l’ha subito immaginata felina. Ed è impazzito. Guarda qua. La scienza non è ancora riuscita a  spiegare perché i gatti provochino così tanto eccitamento internettiano, ma siamo fiduciosi che, con l’avanzare del progresso, anche questo mistero verrà svelato. In ogni caso lo sfortunato social media manager, che così sfortunato non è, si sarà pigliato una promozione per aver portato l’azienda alle attenzioni di molti, con un coup de théâtre da vero artista. Questo piccolo episodio ha aperto una luce di speranza perfino nel cuore dei più irrimediabili sfigati, quelli tutti errori nella vita, quelli che non ne azzeccano una nemmeno dovesse scendere il Signore in terra. Forse addirittura, i loro errori, possono alla fine dimostrarsi utili. Perché, si sa, la vita è imprevedibile. E’ un pendolo che oscilla tra momenti di media sfiga e momenti di super sfiga, bisogna solo far in modo di prenderla con la giusta filosofia. E ogni tanto ricordarsi che la storia dell’umanità è stata più volte caratterizzata da errori che si sono successivamente rivelati necessari. Ecco alcuni errrori nella vita del mondo

Si pensi a quel tale Cristoforo Colombo che si è imbarcato in una spedizione per raggiungere più velocemente l’India ma, commettendo un piccolo errore di calcolo, ha scoperto l’America. Anche se, col senno di poi, che ciò sia stato un bene o un male ognuno ha la sua opinione.

Oppure Fleming che, dopo aver prelevato dei campioni dal suo naso raffreddato, è partito per le vacanze dimenticandosi di buttarli nel cestino dell’umido. Al suo ritorno si è accorto che i batteri erano cresciuti, tranne in alcuni punti, in cui era presente della muffa proveniente da un ananas andato a male che si trovava lì vicino. Questa strana e alquanto surreale situazione ha portato successivamente alla scoperta della Penicillina, il primo antibiotico conosciuto e utilizzato della storia.

La Coca Cola era nata inizialmente come farmaco per curare il mal di testa ed era composta da foglie di coca e noci di cola. Un giorno, un ragazzo, preso da quell’irrefrenabile schizzo che hanno i bambini piccoli quando al ristorante fanno le pozioni con il sale, il pepe e la birra del nonno, aggiunse dell’acqua gasata al composto. E magicamente nacque la bevanda più famosa al mondo.

Pure la famosissima pillola blu, il Viagra, è stata inventata per sbaglio e per la felicità di mio nonno, che dal suo lontano paesino in Sicilia riesce ogni giorno a mantenere alto il suo vigore e la sua dignità di masculo.

Parlandoci chiaro, a fare le cose nel modo giusto siamo capaci tutti, ma farle nel modo sbagliato e poi cambiare addirittura il corso della storia è da veri veri maestri di vita. Ma noi ci accontentiamo di poco, ci basterebbe solo una piccola botta di fortuna ogni tanto. Ultimamente il “mai una gioia” è diventata la nostra frase preferita e per nostra natura, siamo portati ad accumulare errori nella vita e a vivere esperienze disastrose.

Come quando incontri il ragazzo che ti piace e finalmente decide di considerarti ma hai esagerato con gli Spritz e non riesci a mettere insieme nemmeno una frase di senso compiuto. O quando stai per finire un progetto da consegnare il giorno dopo, pena la bocciatura, e il tuo computer si spegne perché si è surriscaldato troppo. Anche se, pensandoci bene, se tutto filasse sempre liscio, non avremmo mai nulla di divertente da raccontare. E che persone noiose saremmo! E non si sa mai che, un giorno, anche noi, lasciando scadere qualcosa nella dispensa, non facciamo la scoperta più importante di questo secolo. Quindi ricordiamoci: abbasso i ragionieri e viva il freestyle, sempre! N.B: tutto questo discorso sull’utilità degli errori non è valido per Katia Ghirardi e per i suoi colleghi della filiale di Castiglione delle Stiviere di Intesa San Paolo che qualche gi hanno pubblicato un video promozionale dal titolo “Io ci sto”, che in poco tempo è diventato virale. Voi avete sbagliato tutto, non ci sono scuse, mi avete fatto provare un senso di disagio che non avevo mai provato in questi 21 anni di vita.

Se hai già accumulato innumerevoli errori nella vita, uno in più non fa differenza. Quindi LEGGI ANCHE: Incontrare l’ex. Tragedia o rivincita? Dipende da come ti vesti.