La Milano Fashion week settembre 2018 ha riaperto la piaga delle calze femminili

24 settembre 2018
2 Condivisioni 297 Visualizzazioni

Nel best of della Milano Fashion Week settembre 2018 rientrano di certo i collant della collezione Moschino realizzata da Jeremy Scott con l’intento di portare in scena schizzi e bozzetti, in risposta ai tempi sempre più ristretti in cui i creative director delle case di moda si trovano a lavorare. Ed ecco riaperta una piaga fashion contemporanea:le calze femminili. Come e quando portarle?

 

 

Sicuramente Scott, con questi suoi collant – sottili ma con strisce nere più scure che sembrano essere state lasciate da un pennarello a punta doppia – ha costretto il genere femminile a riaprire gli occhi e riconoscere che sia tornato quel momento dell’anno in cui ci si ritrova ad affrontare una delle più grandi piaghe fashion, le calze femminili.
Mezze stagioni: calze sì o calze no? E se sì, quali?

 

Ecco, allora, una breve overview delle opzioni da considerare – o scartare – per vivere questa fase di passaggio nel modo meno traumatico e più fashion possibile:

 

 

  1. Calze non Calze

Calze. Il solo fatto che ti sia sorto il dubbio è indice di un cambiamento climatico incisivo al punto tale da far smuovere qualcosa nella tua coscienza estetica. Non prendete come riferimento quell’ amica che anche il 25 dicembre, per il cenone di Natale, si ostina ad indossare quell’abitino rosso senza calze, sostenendo che siano oggetti del demonio in grado di far miracolosamente apparire più basse, tozze o in carne. Sciocchezze. Piuttosto, per non cedere subito ai tristi 40 denari, valutate alternative più “vivaci” tipo quelle da Moschino di cui in apertura o delle classiche calze femminili a rete, le quali meritano un paragrafo a sé.

 

  1. Calze a rete (o a nido d’ape)

Senza ombra di dubbio uno degli accessori più discussi di sempre, soprattutto dopo il recente ritorno di moda mainstram. Le calze a rete non sono volgari di natura, il tutto sta nel come vengono indossate.
Capiamoci: l’abbinamento con indumenti estivali in pelle o vinile è rischioso, una gonna tubino sconsigliata, la rete larga, soprattutto dalla taglia 38 in su, da evitare. ATTENZIONE: ricordate che non esistono soltanto nere!

 

  1. I collant color carne

Qualsiasi dubbio abbiate, sappiate che “collant color carne” non è la risposta giusta. Mai. I collant color carne sono l’emblema dell’ignavia: metto i collant, ma trasparenti così “a chi mi rimprovera di non averli posso controbattere che invece ci sono e a chi invece critica l’averli indossati posso rispondere che tanto non si vedono”. Ed è proprio questo il punto della questione, vi sbagliate: si vedono, si vedono chiaramente! Quindi, a meno che non vogliate ritrovarvi nudi nell’Antinferno dantesco ad inseguire una bandiera bianca, NON METTETE QUEI DANNATI COLLANT.

 

  1. Calzettoni vs Parigine

Non credete a chi dice che non è qualche centimetro a fare la differenza, perché la fa eccome.

Qualche anno fa ci fu il boom dei calzettoni, quelli fin sotto il ginocchio, indossati con ostentata fierezza da molti esemplari femmina millenial qualche anno fa. Rabbrividisco al solo ricordo. Sì se siete impegnate in quelle robe di cosplay o se avete una partita di calcetto, no in qualsiasi altro caso. Assolutamente sì, in questo delicato periodo dell’anno alle parigine: alte qualche centimetro sopra il ginocchio, sono praticamente le cugine ben uscite dei sopracitati calzettoni.

 

  1. Stivali

Soluzione consigliatissima per chi vuole ovviare il dubbio amletico sulle calze femminili, è senza alcun dubbio l’optare per degli stivali. Cuissardes senza tacco, da cowboy, anni 70’, in cuoio o in vinile. Insomma un paio di stivali può essere l’elemento che dà un tocco in più al tuo stile e dimostrare, al tempo stesso, che sì la stagione fredda sta arrivando ma tu hai ancora qualcosa da mostrare!

 

LEGGI ANCHE:

Chi usa il perizoma? Un capo che si finge in salute ma sta segretamente sparendo.

Miss Italia 2018: è la millennial Carlotta Maggiorana. E ha un Instagram di m…

Millennial nostalgia: quali sono le canzoni più fighe della provincia italiana?

Cosa bere fuori con le tue amiche

 

 

Potrebbe interessarti

Ripercorriamo l’anno tramite i principali trend Instagram 2018: perché tutti questi cuoricini?!
Internet
35 visualizzazioni
Internet
35 visualizzazioni

Ripercorriamo l’anno tramite i principali trend Instagram 2018: perché tutti questi cuoricini?!

Anna Giulia Bevilacqua - 14 dicembre 2018

Il 2018 volge al termine ed è arrivato il momento di tirare le somme. Ma, se per la vostra vita…

Difendere Sfera Ebbasta: lo fanno i giornali dei vecchi ed è pubblicità occulta
News
2 condivisioni30 visualizzazioni
News
2 condivisioni30 visualizzazioni

Difendere Sfera Ebbasta: lo fanno i giornali dei vecchi ed è pubblicità occulta

The Millennialist - 13 dicembre 2018

Il cantante di Cinisello è colpevole o innocente nel caso della tragedia di Corinaldo? All'indomani della tragedia di Corinaldo, mancava…

Il nome della rosa significato: ci ricorda che Google non ha tutte le risposte
Arte
11 condivisioni50 visualizzazioni
Arte
11 condivisioni50 visualizzazioni

Il nome della rosa significato: ci ricorda che Google non ha tutte le risposte

Valeria Mangano - 13 dicembre 2018

Se dico Il nome della Rosa probabilmente pensate prima a Sean Connery e solo dopo a Umberto Eco. Questo perché…