L’estate sta finendo: non riuscire a immaginare un futuro all’altezza del passato

19 agosto 2018
6 Condivisioni 565 Visualizzazioni

L’estate sta finendo dei tamarrissimi Righeira vinse il Festivalbar nell’ormai lontano 1985, anno in cui i Millennial al massimo nascevano o poppavano. Eppure, ancora oggi, racchiude una triste verità di cui cominciano a essere consapevoli anche ventenni e trentenni.

 

L’estate sta finendo e un anno se ne va
Sto diventando grande lo sai che non mi va
In spaggia di ombrelloni non ce ne sono più
È il solito rituale, ma ora manchi tu

 

Se il filosofo diceva panta rei, i cotonati Righeira dicevano, appunto: sto diventando grande lo sai che non mi va. Il significato, in fondo, è lo stesso. Quella sensazione profonda e inesorabile che ci dice che le cose non tornano più, che non saranno mai più come prima, che la giovinezza, la bellezza, la vita, l’amore li perdiamo giorno dopo giorno, pezzo dopo pezzo, raggio di sole dopo raggio di sole. Se ci fermiamo a riflettere su quante poche sono le estati, le belle stagioni, che ciascuno di noi ha a disposizione nell’arco della propria esistenza non possiamo non essere investiti da un’angoscia cosmica. Diciamocelo chiaramente, millennial: diventare grandi è una schifezza.

 

 

“E’ tempo che i gabbiani arrivino in città”. Cioè, prima se ne stavano liberamente a scagazzare e copulare sul mare sconfinato, poi devono volare a procacciarsi il cibo in discariche e periferie. Questo vuol dire diventare grandi: scendere a patti con le responsabilità, vedere restringersi l’orizzonte di possibilità, farsi andare bene quello che una vita adulta può offrire (cioè bollette, capi, frustrazioni, divorzi, malattie), e poi la vecchiaia e la morte. I gabbiani continuano a volare e starnazzare, ma quelli che sembravano versi di libertà sullo sfondo di scogli e di onde bianche e blu, ora nel cemento ricordano più che altro versi di disperazione.

Poche cose danno lo stesso senso di nostalgia degli stabilimenti balneari in fase di smobilitazione. Gli ultimi lettini chiusi e insabbiati, i primi temporali, coppie che si ostinano a passeggiare sulla battigia rabbrividendo sotto anacronistici parei. Finché in spiaggia di ombrelloni non ce ne sono più e “una fotografia è tutto quel che ho”. E’ vero, si dice che la saggezza compensi l’attenuarsi dell’energia, che l’affetto compensi l’attenuarsi della passione, che poi si vivrà non più per se stessi ma per figli e nipoti e sarà bello uguale. Ma sono balle. L’essere umano è glabro, non è anatomicamente attrezzato per il freddo, è una scimmia giovane, il resto è un tentativo di prolungare attimi di estate nell’inverno, il resto è surrogato di vita. L’estate sta finendo…”ma stanne pur sicura io non ti scorderò”.

 

LEGGI ANCHE:

Perché “Una vita in vacanza” è la canzone del reddito di cittadinanza

Che cosa sai delle moto d’acqua della Polizia Italiana?

Scarica subito la nostra Guida alle spiagge!

 

 

Potrebbe interessarti

La Milano Fashion week settembre 2018 ha riaperto la piaga delle calze femminili
Moda
1 condivisioni56 visualizzazioni
Moda
1 condivisioni56 visualizzazioni

La Milano Fashion week settembre 2018 ha riaperto la piaga delle calze femminili

Anna Giulia Bevilacqua - 24 settembre 2018

Nel best of della Milano Fashion Week settembre 2018 rientrano di certo i collant della collezione Moschino realizzata da Jeremy…

Festival della Statistica: i millennial non si riproducono. Rischio estinzione
Famiglia
41 visualizzazioni
Famiglia
41 visualizzazioni

Festival della Statistica: i millennial non si riproducono. Rischio estinzione

The Millennialist - 24 settembre 2018

Andate, andate nei bordelli delle bambole di silicone: fra 100 anni in Italia ci saranno solo 16 milioni di abitanti…

Morire di Selfie: la storia del fotografo che decomponeva la gente
News
2 condivisioni150 visualizzazioni
News
2 condivisioni150 visualizzazioni

Morire di Selfie: la storia del fotografo che decomponeva la gente

Mordeicani Richler - 23 settembre 2018

Morire di selfie. Racconto su un fotografo che si è suicidato per immolarsi alla suprema arte dei Millennial. Giorgio era…