I Millennial italiani si sposano tra i 30 e i 37 anni. E per i divorzi? Vedere alla voce boomer

Redazione
17 Luglio 2020
254 Visualizzazioni

Età dei matrimoni: in Italia mai sotto i 30 anni. I Millennial valdostani sono quelli che ci mettono più tempo a decidere.

Sarebbe interessante capire perché il matrimonio alla valdostana si celebra (in media) a 37 anni. Difficoltà a viaggiare tra le impervie valli? Sindrome dello stambecco del Gran Paradiso (paura delle corna)?

A parte gli scherzi, lo slittamento del matrimonio in avanti è un tema classico dei millennial. E non è colpa nostra, ovviamente. Sulla decisione pesano: precarietà lavorativa (altrimenti detta Bamboccismo dai politicanti boomer) e il tipico narcisimo dei millennial (vuoi non cacciare dentro l’ingrediente base?).

Il maschio emiliano tardivo

Il grafico sopra mostra l’età del matrimonio in tutte le regioni italiane con la suddivisione per regione e per sesso. Non sono considerate le unioni civili il cui numero, al 2018, è di 2371, con Milano e Torino che guidano la classifica.

Come si vede nel grafico la regione nella quale sia i maschi che le femmine si sposano più tardi è la Val d’Aosta. I primi aspettano fino a 37,2 anni e le seconde pronunciano il “sì” quando hanno, in media, 34,3 anni.

In Emilia Romagna si scende di quasi 1 anno, ma comunque si è ancora abbondantemente sopra i 30 anni: i maschi emiliano-romagnoli si sposano a 36,9 anni e le femmine a 33,5.

Al Veneto il record di precocità matrimoniale

Il punto  impressionante è che in nessuna regione (o provincia autonoma) italiana ci si sposa prima dei 30 anni. Quella che vede l’età più bassa è la Campania dove i maschi si sposano a 33,2 anni mentre le femmine a 30,4. In generale, però, al Sud ci si sposa prima: prima della Campania c’è, infatti, la Sicilia preceduta dalla Calabria e dalla Puglia. La prima regione del Nord con l’età più bassa è il Veneto dove i maschi si sposano a 35,4 anni e le femmine a 32,3.

Numeri che danno ragione a coloro che ritengono che i ragazzi (si fa per dire) italiani escano molto tardi dalla casa dei genitori e per questo possano essere definiti “mammoni”. Secondo la Banca d’Italia la colpa dei matrimoni così tardivi può anche essere responsabilità dei genitori.

 

Via Truenumbers.it

I dati: (Fonte Istat 2016) 

LEGGI ANCHE:

Tornare a casa dopo l’Università e sentirsi a disagio con i genitori boomer

Lettera ai genitori separati: per colpa vostra ho votato 5 stelle

Ho provato a spiegare i social a mia nonna. Si sono rivelati una psicosi di massa

Paghiamo le pensioni ai boomer e nessuno pagherà le nostre

Il rancore dei Millennial per i Boomer, dopo il Covid19, è ai massimi storici

Scegliere la casa come facevano i nostri nonni

La Quarantena e la famiglia Ferragnez

 

Leggi anche: