Ideologie morte, pelle viva. Il partito unico della lotta all’invecchiamento

Avatar
21 Febbraio 2018
4279 Visualizzazioni

Una generazione de-ideologizzata che fa fronte comune contro il vero nemico dell’Italia, del Mondo Libero, dell’Umanità, della Vita: la Morte e i suoi segni. La Lotta all’Invecchiamento è il vero fronte su cui tutte le italiane (e gli italiani) si uniscono e lottano compatte. C’è chi ci si mette in prima linea, facendone una Missione.

Ho incontrato casualmente la patriota Paola Tarantino: era una giornata piovosa, infreddolito sono entrato in un mondano bar in corso Magenta a prendere qualcosa di caldo. Al bancone c’era anche Paola, guardandomi in volto mi ha detto: “hai una bellissima pelle ma è troppo arrossata, dovresti fare qualcosa per i capillari”. È stato subito un colpo di fulmine estetico-intellettuale per me, ho capito immediatamente che la dottoressa Tarantino, come poi si definì, fosse dalla mia parte sul fronte dell’aspra, eterna e dura lotta all’invecchiamento…

 

Paola Tarantino

 

Nasco medico del lavoro in Puglia. Sono stata medico della Guardia di Finanza di tutta la regione. Piano piano però mi sono interessata alla medicina estetica, ho sentito che fosse quella la mia reale vocazione. Ho fatto un master e rivoluzionato così la mia vita.

 

Un scelta molto particolare questa, Paola, oggi come oggi: lasciare un lavoro fisso di successo per una professione esclusivamente indipendente, un salto nel vuoto direi.

Non è stata certamente una decisione presa a cuor leggero, avevo due figli piccolissimi. Mi sono anche separata da mio marito. Quando però scopri la tua missione capisci che non puoi fare finta di niente. La medicina estetica è un campo affascinante, in continua evoluzione, di grandissima attualità.

 

Come sei arrivata a Milano dalla Puglia?

È sempre stata il mio obbiettivo, non dichiarato. Quando dice “estetica” in Italia dici Milano del resto. Il mio primo studio è stato in Puglia dieci anni fa, dopo due anni ho aperto a Napoli, poi Roma, Bologna, Cefalù, Trapani, Parma.

A Milano sono arrivata prima ospite di un collega a settembre. La scelta è stata definitiva anche per gli studi dei miei figli che voglio completino qui. Ora a Febbraio ho aperto il mio studio.

 

Sì, tra l’altro hai aperto il tuo fortino per la lotta all’invecchiamento a pochi passi da dove ci siamo conosciuti. Copri mezza Italia possiamo dire, che terapie farai a Milano, a grandi linee?

Medicina e dermatologia estetica; laser per risolvere problematiche vascolari, cicatrici, macchie, rimozione di tatuaggi, epilazione definita, escissione di verruche, di nei, etc; ringiovanimento viso; rimodellamento del corpo con tecniche di ultima generazione.

Il mio scopo non è modificare il volto ma ringiovanirlo con naturalezza stimolando i processi naturali di rinnovamento interni.

 

Quindi niente labbra a canotto o facce da gatto?

La mia aspirazione è poter essere il meno invasiva possibile ed ottenere risultati che permangano nel tempo e si possano rinnovare. Se qualcuno, però, richiede dei cambiamenti fisici ed espressivi più marcati non c’è nessun problema ad accontentarlo.

 

Essendo in continuazione in giro per l’Italia ci potresti dare una stima di quali sono le “tendenze” nelle diverse zone del paese a proposito della lotta all’invecchiamento?

In tutta Italia vanno il filler, il botox, ed i fili di sospensione. Ho pochi pazienti uomini al sud, un 10%, che salgono al 20 a Napoli ed al 30 al nord.

In Sicilia ci sono molte russe, vogliono un botulino super-tirato, da gatta, liftante.

In Puglia invece assolutamente non si deve vedere il trattamento, non sia mai che la vicina di casa sospetti qualcosa…

A Napoli furoreggiano le labbra, “never too big”. Cerco di moderare ma senza riuscirci, la mia filosofia sarebbe la naturalezza.

A Milano diffidano del nuovo ma poi si affidano completamente. Come tendenza è un po’ un misto tra ricerca di naturalezza e labbra a canotto. Nelle grandi città ci sono sia le pazienti eccessive che quelle hanno paura anche di farsi un peeling, probabilmente proprio a causa degli eccessi che vedono in giro.

 

Dormiamo sonni tranquilli allora: sappiamo che in questa dura lotta all’invecchiamento c’è sempre qualcuno che combatte per noi…

 

LEGGI ANCHE: I classici erano pacchiani e violenti. Ce lo ricorda la mostra di Bouke de Vries