Nero a metà, noia intera? Claudio Amendola guarisce dal razzismo su Rai1

Redazione
19 novembre 2018
3 Condivisioni 158 Visualizzazioni

Un’ondata di buonismo televisivo alla romana sta per invaderci: comincia su Rai1 Nero a metàClaudio Amendola fa lo sbirro onesto, duro ma tenero e, soprattutto, senza pregiudizi.

L’ispettore Carlo Guerrieri, nella nuova serie della fiction Nero a metà, regia di Marco Pontecorvo, in 12 episodi divisi in sei prime serate è talmente costruito sull’anti-intolleranza e sul volemose bbene che pare prodotto da George Soros.

Scherzi a parte Carlo Guerrieri abita all’ Esquilino e ogni giorno affronta una Roma multietnica, rappresentata dall’attore millennial Miguel Gobbo Diaz. Che, non si capisce per quale strane turbe dello sceneggiatore, in Nero a metà è di origine ivoriana. Mentre nella realtà si capisce benissimo che è di Santo Domingo. Per di più è vicentino dall’età di tre anni.

Comunque la storia è più prevedibile di una bravata di Fabrizio Corona: all’inizio il ruvido ispettò guarda male Malik Soprani (Gobbo Diaz) e lo chiama addirittura «er negro». Ma non è il nome da stilista etno-chic a fargli cambiare idea. Claudio Amendola Guerrieri supera il suo razzismo e fascismo interiore (chissà che punteggio ha preso nel fascistometro della Murgia), perché un po’ je tocca. La figliola sua, infatti, s’innamora di Malik.

Tuttavia. Claudio Amendola smorza le polemiche, perché ovviamente c’è stato chi subito gli ha rinfacciato di essere mezzo salviniano: «È scoppiato il finimondo solo perché ho detto che il vicepremier è un bravo politico: ma era una constatazione, sorretta dai numeri elettorali», ha detto al Messaggero.

Come accade a tutti gli attori di Cinecittà, anche lui forse pensa sia meglio non contraddire il pensiero unico della Roma del Cinema che anche quando deve fare prodotti commerciali non rinuncia a essere didascalica. Nel senso: riuscirà mai mamma Rai a produrre qualcosa di veramente competitivo con realtà alla Netflix?

Perché ci deve riuscire Tve (la televisione pubblica spagnola che ha coprodotto La casa de papel) e la Rai no? Riusciremo mai a vedere personaggi meno banaliformi dei vari commissari buoni che-la-prima-cosa-è-sempre-la-famiglia o eroi dell’antimafia? Un Mike Hermantraut di Better call Saul, un paio di gemelli Salamanca come in Breaking Bad? Dimentichiamoceli.

No, non possiamo farcela, non ce la faremo mai. Forse per questo ogni volta c’è bisogno di rinforzare la promozione di queste serie con qualche colpetto di scena. E così Claudio Amendola scomoda il #metoo: «Sono stato molestato anch’io. Ho iniziato a lavorare da giovane, ero un bel ragazzetto. Una donna più grande approfittò del suo potere per saltarmi addosso».

LEGGI ANCHE:

La serie Netflix Wanderlust mette le mani nell’ennesimo tabù: gli scambi di coppia

Recensione Elite serie tv: ora Dawson’s Creek è sieropositivo e pippa coca

Norsemen serie tv: i vichinghi falliti che il Millennial non si aspetta

Che cosa c’è da sapere sulla Congiura dei Pazzi

Le notti bianche, il romanzo che ci insegna a uscire dalla comfort zone

Serie tv: una storia misteriosa di cui non si capisce il finale

Guerra e Pace versione tv: quel tragico millennial chiamato Pierre

Potrebbe interessarti

Ripercorriamo l’anno tramite i principali trend Instagram 2018: perché tutti questi cuoricini?!
Internet
17 visualizzazioni
Internet
17 visualizzazioni

Ripercorriamo l’anno tramite i principali trend Instagram 2018: perché tutti questi cuoricini?!

Anna Giulia Bevilacqua - 14 dicembre 2018

Il 2018 volge al termine ed è arrivato il momento di tirare le somme. Ma, se per la vostra vita…

Difendere Sfera Ebbasta: lo fanno i giornali dei vecchi ed è pubblicità occulta
News
18 visualizzazioni
News
18 visualizzazioni

Difendere Sfera Ebbasta: lo fanno i giornali dei vecchi ed è pubblicità occulta

The Millennialist - 13 dicembre 2018

Il cantante di Cinisello è colpevole o innocente nel caso della tragedia di Corinaldo? All'indomani della tragedia di Corinaldo, mancava…

Il nome della rosa significato: ci ricorda che Google non ha tutte le risposte
Arte
8 condivisioni45 visualizzazioni
Arte
8 condivisioni45 visualizzazioni

Il nome della rosa significato: ci ricorda che Google non ha tutte le risposte

Valeria Mangano - 13 dicembre 2018

Se dico Il nome della Rosa probabilmente pensate prima a Sean Connery e solo dopo a Umberto Eco. Questo perché…