Come viaggiano i Millennial? A rimorchio delle recensioni web…

22 gennaio 2019
4 Condivisioni 184 Visualizzazioni

Un modo per sopravvivere al rientro in ufficio dopo le vacanze o dopo un weekend è quello di pianificare altre vacanze e altri weekend. Anche se suona ridondante, è così. Non serve prenotare un lungo viaggio intercontinentale: bastano pochi giorni per riprendere fiato. Ma come viaggiano i Millennial?

Organizzare un viaggio permette di proiettare la nostra mente verso un momento di relax o di svago già pianificato, che ci fa tenere botta nei momenti più pesanti.

Se pensiamo poi a quanto è facile prenotare un aereo o un albergo, programmare un viaggio diventa anche divertente. Scelte una meta e una data, al resto pensano i diversi motori di ricerca che ci permettono di confrontare più strutture per scegliere qual è quella che più si addice alla tipologia di soggiorno che vogliamo trascorrere.

Senza tralasciare le recensioni: quello che gli altri viaggiatori pensano di un ristorante o di una località da visitare, conta forse di più di quelle che potevano essere le nostre aspettative. Come viaggiano i Millennial? A rimorchio delle rcensioni. Questo pensiero lo conferma niente popodimeno che TripBarometer, il sondaggio per eccellenza di Tripadvisor su alloggi e viaggiatori. Nello specifico emerge che l’elemento principale nella scelta di una destinazione è proprio la bontà della recensione, aspetto meno discriminante per le generazioni più anziane.

Un altro elemento che contraddistingue come viaggiano i Millennial: le prenotazioni effettuate da questa generazione riguarda le voci “offerte speciali” ed “esperienze sostenibili”.

La nostra generazione, forse ancora perché ancora non del tutto economicamente autonoma, è quella più incline a mettere dei soldi da parte per investirli in viaggi. I “tagli” vengono fatti principalmente alle uscite serali e alle diverse forme di intrattenimento.

Un altro aspetto che sicuramente interessa la questione su come viaggiano i Millennial, sono gli onnipresenti social: le foto dei viaggi pubblicate dai nostri amici di Instagram sicuramente stuzzicano la nostra invidia, rendendoci al contempo curiosi di conoscere posti nuovi.

E, diciamocela tutta, molto spesso mostrare che ci siamo stati, vale il viaggio!

 

LEGGI ANCHE:

Il turista responsabile non esce di casa: solo così non peggiora il mondo

Startup o multinazionale? Come dire: meglio saltare nel buio o arruolarsi?

Noia cosa fare? Coltivatela! E’ la fonte di ogni pensiero creativo