Sono Giapponese! Lesson 35. Hiroshima è la città da visitare in Giappone per immergersi nel vuoto verde

Shinrin-yoku, il bagno nella foresta

14 giugno 2018
5 Condivisioni 285 Visualizzazioni

Cos’abbiamo in comune noi i giapponesi e…i brasiliani, oltre alla voglia pazza pazzona di divertirci? Circa il 75% del territorio di ciascun paese è la foresta. Da noi nel 1982 ufficialmente è nato il termine Shinrin-yoku, letteralmente il “bagno nella foresta”. In pratica, mettersi in mezzo ai boschi per godere di ogni singolo particolare. Ma a che serve sta roba? Ghe pensi mi. Te lo spiega il ragazzo giapponese, cioè io, che viene da Hiroshima, la città da visitare in Giappone per sprofondare nel bosco.

 

Ben il 75% del territorio del Giappone è la foresta così come del Brasile contro il 34% circa in Italia (voi poveri come raminghi). La vita dei nostri antenati si sviluppò quindi in compagnia della foresta e dei boschi. Nel 1982, mentre voi sbavavate sulle scarpe di Paolo Rossi, nel glorioso Giappone è nato ufficialmente il termine Shinrin-yoku, per promuovere e diffondere questa attività per la salute in tutto il Sol Levante (inchinati, bestia!).

 

Shinrin-yoku significa letteralmente Foresta + Immergersi. Vai in mezzo ai boshi, inspiri ed espiri (anche perché che altra opzione c’è se non il Nulla Eterno? ihihih) profondamente. Così ti fanno bene tutte le cose forestali tra cui il sole che ti arriva attraverso le foglie degli alberi, il vento che ti accarezza, e lo ione negativo che non so cosa sia ma sicuramente ti è d’aiuto più di Carlo Conti.

 

Dal momento che nella vita giapponese le foreste si fanno sentire da vicino, e quindi sono una roba molto familiare per tutti noi, di questo concetto ero già consapevole prima che fosse coniato il termine.

Tra i luoghi famosi per eseguire giustamente questa attività in Giappone, si annovera anche il tempio Mitaki e i suoi dintorni a Hiroshima, mia sede di vita umana e città da visitare in Giappone per esclamare: urka urka. Posizionandosi a soli 30 minuti dalla stazione centrale di Hiroshima con l’autobus numero 22, la zona Mitaki ti permette di immergersi in mezzo ai boschi come un morto nella terra (ihihih), ammirare le statue di tema buddismo e la natura con le sue diverse fattezze per ogni stagione, e quindi godere l’aria particolarmente serena e tranquilla.

Durante l’estate, non ti mancheranno le cicale che si esaltano a cantare e poi ad agosto potrai anche provare l’atmosfera tradizionale per il periodo O-bon, attorno a Ferragosto, quando in Giappone si visita la tomba della propria famiglia e la si decora col Too-Roo, un palo lungo circa 1m e 50cm in cima al quale sta una piccola composizione di  carta giapponese di colori diversi. L’O-bon è la festività per accogliere e affrontare gli spiriti dei nostri antenati che, crediamo, tornino ancora oggi.

Tornando al dunque, Shinrin-yoku cioè meditazione in mezzo ai boschi, in Giappone ci sono tanti diversi luoghi consigliati: l’Isola Hokkaido, da visitare preferibilmente in estate. Altra città da visitare in Giappone per questa paratica è Ota, comune nella prefettura di Shimane, che ospita nel suo territorio Iwami Ginzan (pronunciata Ghinzan), ex miniera d’argento oggi patrimonio UNESCO.

Per chi ha scoperto che la prefettura Shimane è complicata da raggiungere, sarà Hiroshima a ospitarvi meglio tra la sua storia e la sua bellezza naturale testimoniate dal tempio Mitaki e dintorni, oltre all’Isola Miyajima, famosissima tra tutti i turisti sia nazionali che internazionali.

Intesi? Durante l’estate, venite alla mia sede, Hiroshima, città da visitare in Giappone assolutamente. Sono qui sempre per porvi sbattimenti amichevoli. Dopo aver preso gli sbatti, cosa fai? Vai al tempio di Mitaki per respirare profondamente in mezzo ai boschi, ovvio! Ciaone!

 

LEGGI ANCHE:

Sono Giapponese! Lesson 34. Il periodo peggiore per andare in Giappone è giugno: i giappi sono furiosi!

Sono Giapponese! Lesson number 33. Nomi di ristoranti giapponesi a Milano di cui devi assolutamente sapere il significato

Sono Giapponese! Lesson 32. Come mangiare sushi e come ordinare per imitare i giapponesi imbruttiti

Potrebbe interessarti

Something in the Way testo: i Nirvana ci hanno rovinato l’adolescenza  
Cultura
12 visualizzazioni
Cultura
12 visualizzazioni

Something in the Way testo: i Nirvana ci hanno rovinato l’adolescenza  

Consuelo Crespi - 19 ottobre 2018

Questa mattina mi sono svegliata e, scrollando le varie pagine social, una notizia spaventosa mi è capitata davanti agli occhi. “NIRVANA REUNITED”, con l’immagine…

Euforia, il nuovo film di Valeria Golino: il coitus interruptus della morte
Arte
2 condivisioni51 visualizzazioni
Arte
2 condivisioni51 visualizzazioni

Euforia, il nuovo film di Valeria Golino: il coitus interruptus della morte

Valeria Mangano - 19 ottobre 2018

Euforia è il nuovo film di Valeria Golino, seconda opera dopo l’esordio alla regia con Miele (2013). Se state immaginando…

Grey Goose testo. Cesare Cremonini raccontò l’amore del millennial medio: dura una notte.
Cultura
4 condivisioni65 visualizzazioni
Cultura
4 condivisioni65 visualizzazioni

Grey Goose testo. Cesare Cremonini raccontò l’amore del millennial medio: dura una notte.

Consuelo Crespi - 18 ottobre 2018

Partirà a Novembre la tournée italiana di Cesare Cremonini, cantautore bolognese, classe 1980, che si concluderà al Mediolanum Forum di Milano. Le…