fbpx

La leadership richiesta nel 2024: non è più necessario essere alti e magri, basta vestirsi bene su Zoom

18 Gennaio 2024
584 Visualizzazioni

Una ricercatrice ha intervistato i top manager a dieci anni di distanza (2012-2022) e ne ha concluso che i tratti più ricercati per stare al comando sono diventati appena appena un po’ più ipocriti

L’Harvard Business Review, nell’ultimo numero (Gen-Feb 2024) pubblica una interessante ricerca su come sono cambiate le caratteristiche richieste dalla leadership negli ultimi 10 anni. Si parte da un’epoca (2012) in cui nella maggior parte dei contesti aziendali la valutazione avveniva sulla base di tre gruppi di attributi: serietà, forti capacità di comunicazione e modo di porsi, anche dal punto di vista dell’apparire.

Dopo un decennio segnato da tumultuosi cambiamenti economici, culturali e tecnologici (cambio climatico, pandemia di Covid-19, guerra in Europa e in Medio Oriente, movimenti per i diritti civili, conflittualità aumentata dai social) le aspettative sui tratti di leadership ideali sono profondamente mutate.

La ricerca ha chiesto agli intervistati (top manager) di indicare 25 tratti di leadership importanti oggi per le aziende

Il 70% degli intervistati sia ha messo la fiducia e la risolutezza in cima alla lista dei tratti più ricercati. Ma rispetto ai dati del 2012 un terzo degli intervistati ha indicato l’inclusione e il rispetto per gli altri come secondi in ordine di importanza. mentre questi tratti non erano tra i primi sei in 20 su 12.

Nella categoria dei tratti comunicativi, oltre il 60% degli intervistati ha affermato che le capacità di comunicare con chiarezza sono fondamentali. Ma tre nuovi elementi sono entrati nella lista: la padronanza di Zoom, un atteggiamento volto ad “ascoltare per imparare” e l’autenticità nelle relazioni di lavoro.

Per quanto riguarda i tratti “estetici”, la caratteristica di presentarsi con cura e raffinatezza è stata indicata dal 37% degli intervistati. Tuttavia nel 2012 si citava l’importanza di essere attraenti, alti e magri e di cambiare l’abbigliamento ogni giorno. Tutti elementi finiti in fondo alla classifica nel 2022. Nell’ultima indagine sono invece salite caratteristiche come: presentarsi in modo autentico, vestirsi tenendo presente che c’è una “nuova normalità”, e saper curare la propria immagine online.

LEGGI ANCHE:

Il licenziatore dal volto umano (si fa per dire)

Chi non salta (da un lavoro all’altro) non è un millennial