fbpx

Pubblicità di funerali ai malati covid di Osaka, il commento di un giapponese: “L’ape ti punge quando stai piangendo”

Kentaro Hara
4 Febbraio 2021
233 Visualizzazioni

Uè grandissimi e carissimi lettori!

Rieccomi qui, sono appena tornato qui alla redazione e mi metto subito a scrivere un pezzo riguardante una roba indecente, soprattutto dal punto di vista comune tra i giapponesi, accaduta l’altro giorno a Osaka.

Vista la situa dell’andamento “stabile” del covid anche qui in Giappone, è sempre più nervoso il popolo (eletto) giapponese. E il nervosismo non ci porta il grano ma solo un altro nervosismo!

Infatti, a Osaka il Comune ha spedito ai positivi covid – verificati attraverso il tampone – una busta su cui spicca la presenza della pubblicità stampata di una pompa funebre da esso gestita.

I “vantaggi” della pompa funebre di Osaka

Ci parla infatti dei tre “vantaggi” che offrono a chi contatta loro, tipo:

  1. Vi aiutiamo noi a mettere in chiaro il preventivo per il vostro funerale ideale.
  2. Da noi si concretizza come si svolgerà il tuo funerale.
  3. Spiegheremo al meglio le caratteristiche delle nostre sei strutture e il nostro servizio di top di gamma.

Come vedete, sono tanto orgogliosi del loro servizio quanto voi italiani del vino italiano. Di conseguenza, la busta ha aperto la gabbia del nervosismo dei positivi che erano già stati sufficientemente abbattuti dal fatto d’essere risultati positivi dopo aver fatto il tampone.

Piove sul bagnato.

Ti punge l’ape proprio nel momento in cui stai piangendo.

Insomma, mi dispiace tanto. A solo immaginarlo, mi dà tanto fastidio a prescindere dall’intenzione che avevano quando hanno spedito tale busta con la pubblicità indecente nei confronti dei pazienti positivi.

Osaka, la pubblicità con il 567: Co-Ro-Na

Credete che finisca qui la storia? Ma anche no! Qualcuno, giapponese, ha notato, dopo aver visto la foto della busta in questione, che il loro numero di telefono reca un’altra indecenza che a sua volta però era inevitabile, direi.

La seconda indecenza infatti consiste nel loro numero di telefono, una parte del quale è 567, che potrebbe essere pronunciata Co-Ro-Na, se osservata in base alla conoscenza del giapponese. Si tratta di buste già stampate così prima ed erano le uniche che avevano in quel momento, secondo quanto raccontato dallo stesso comune.

Ragazzi, cerchiamo di stare sereni un po’. Poi cerchiamo di attivare il nostro cervello per capire, ossia non dimenticare, che esiste la gente che soffre ancora il maledetto coronavirus e le sue varianti.

Mi fermo qui, e te salüdi! Ciaone!

Leggi anche: