fbpx

In Abruzzo, una riserva per Millennial. Faremo la fine degli Apache?

10 Novembre 2020
784 Visualizzazioni

Voi siete i nuovi migranti. Dimenticate quelli che arrivano con i barconi, scordate la fuga degli ebrei dall’Egitto. Gli Erasmus sono poca roba rispetto a quello che sta arrivando, in verità io vi dico, vivremo tutti nella terra promessa Abruzzese.

 

Qualcuno si è fatto abbindolare dal reddito di cittadinanza, complotto dei poteri forti per arricchirci. Al suo posto, i Millennial più stoici hanno accettato stage sottopagati con onore. Il bosco verticale di Boeri è un’aberrazione, disegnata col compasso dalle logge dei progettisti per distoglierci dal mondo dei nostri nonni. Quel grattacielo è una torre di babele destinata a crollare quando gli Dei lo riterranno luogo di sodomia. Il nuovo eden per i millennial è Santo Stefano di Sessanio.

La Terra Promessa: Santo Stefano di Sessanio?

Nel bel mezzo del Parco Nazionale del Gran Sasso, a 1250 metri sul livello del mare, sorge, nel piccolo Tibet, Santo Stefano di Sessanio. Il comune ha deciso di svecchiare la popolazione invitando a braccia aperte le persone sotto i 40 anni. 

I Millennial, spostando la propria residenza per almeno 5 anni e aprendo un’attività, pagheranno un canone di affitto simbolico.

Il borgo medievale è magico, nulla a che vedere con capannoni industriali delle grandi città. Solo pietre su pietre che da oltre 1000 anni richiamano l’idea primitiva di casa.

 

 

La lenticchia è il prodotto di punta del paese e d’inverno vicino al focolare domestico, unito alla salsiccia e ad un bicchiere di vino, la zuppa è l’alimento perfetto per le cene dimenticabili ma altrettanto memorabili. Anni di Farmville vi hanno preparato a questo, a quello che siete qui ed oggi.

Se il massiccio del Gran Sasso è chiamato piccolo tibet voi potete essere i nuovi monaci tibetani; lontani dalle distrazioni materiali mondane, nella pace e nel silenzio potete trovare il vostro Nirvana Millennial. 

Preferite la guerra? In un tempo in cui tutti temono l’avanzata dei mori, dell’Isis e la paura di una nuova guerra santa cosa c’è di meglio che rifugiarsi in un borgo medievale?

Perché scappare dalla città?

Sei stufo di vivere con i tuoi tre coinquilini che non si lavavano e lasciano tutta la cucina sporca pagando cifre stratosferiche solo per farti foto a ponte Milvio o davanti al duomo il fine settimana? Ora, con quello che spendi in cocktail in un mese nella tua città cool puoi avere un’intera casa in pieno centro a Santo Stefano di Sessanio!

 

Oltre all’affitto regalato e le tasse simboliche sulle attività, io proporrei anche una pecora regalo in segno di benvenuto. Ovviamente ci saranno arrosticini gratis tutto l’anno (me l’ha confidato in segreto il giovane sindaco 🤫).

 

“Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c’è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti.”

 

Cesare Pavese

Dal sito potete scaricare e compilare la manifestazione di interesse e nel 2021 arriveranno i bandi ufficiali. Affrettatevi c’è tempo fino al 15 novembre!

Leggi anche: