Catalogo dei MILLENNIAL #20 Lorenzo Fontana. La tua enciclopedia dei millennial

Avatar
23 Febbraio 2019
918 Visualizzazioni

Chi è Lorenzo Fontana, il ministro che si ispira a Putin

NOME Lorenzo Fontana
LUOGO NASCITA Verona
DATA NASCITA 10 aprile 1980
SETTORE Politica
NAZIONALITÀ Italiana
MILLENNIAL FACTOR Conformista

Chi è

Mira a Vladimir Putin e alla sua Russia come modello identitario per la difesa della famiglia e della tradizione. Non è un caso se nel governo gialloverde guidato da Giuseppe Conte, nel giugno 2018, gli sia stato affidato l’incarico più alto in materia: Lorenzo Fontana ministro per la famiglia e le disabilità. Un ruolo che non poteva che finire nelle sue mani, lui che è anche vice segretario di Matteo Salvini alla Lega.

Il veronese, classe ’80, con una laurea in Scienze politiche, si era già fatto notare tra le fila del Movimento giovani padani, di cui è stato vice coordinatore. Poi durante gli anni da eurodeputato, il nome dell’ardente millennial ha echeggiato a Bruxelles ogniqualvolta c’era da argomentare su cristiani – ora da difendere nei paesi musulmani o nella stessa Europa, oppure da assistere un po’ meglio rispetto agli altri quando bussavano alle porte dell’Ue – e famiglie, sopratutto parlando della scarsa natalità che contraddistingue il Vecchio continente.

Diventato ministro, dopo una breve parentesi come vice sindaco della sua città, è salito subito sulla ribalta nazionale, più che per la guida del suo dicastero, per le sue dichiarazioni in temi di omosessualità. Alla domanda esplicita sulle sue intenzioni politiche per le famiglie gay, durante un’intervista al Corsera, ha risposto così: «Perché esistono le famiglie Arcobaleno?».

Un pensiero per nulla nuovo per Fontana, sposato e con una figlia, che a Roma ha la delega sulle politiche per famiglia, disabilità, infanzia, adolescenza, antidroga e adozioni. Già nel 2016 si era espresso molto chiaramente sulla questione ad un convegno dell’associazione Pro Vita Onlus.

«Da un lato – aveva detto – l’indebolimento della famiglia e la lotta per i matrimoni gay e la teoria del gender nelle scuole, dall’altro l’immigrazione di massa che subiamo e la contestuale emigrazione dei nostri giovani all’estero. Sono tutte questioni legate e interdipendenti, perché questi fattori mirano a cancellare la nostra comunità e le nostre tradizioni. Il rischio è la cancellazione del nostro popolo». Roba da far sembrare progressisti i più conservanti porporati del Vaticano.

Lorenzo Fontana sui social:

Twitter
Facebook

LEGGI I PROFILI DEGLI ALTRI MILLENNIAL:

Chi è Pete Buttigieg

Chi è Mahmood