Dark, cinque consigli oscuri prima di guardare la terza stagione

Avatar
14 Giugno 2020
564 Visualizzazioni

Dark, cinque consigli prima di guardare la terza stagione

Se dovete prepararvi al ripassone selvaggio fatelo, perché la notizia è che Dark terza stagione uscirà il 27 giugno su Netflix.

Sebbene stimi tantissimo chi riesce a fare il riassunto della serie fino alla seconda stagione, qui l’importante è capire il concetto base, anzi le cinque cose da tenere a mente per guardare Dark e non sentirvi deficienti.

  • “Ieri, oggi e domani non sono consecutivi, sono collegati in un circolo senza fine, tutto è collegato”. Sebbene possa sembrare lo slogan di una campagna ecologista (siate ecologisti anche voi, mi raccomando), è il principio base della serie. Lo spazio-tempo non è lineare, tanto più se ci si mettono gli uomini a incasinarlo.
  • I cicli temporali principali di Dark hanno intervalli di 33 anni: 1953, 1986 e 2019. Ma gli autori per aiutarci nell’orientamento hanno cercato di connotare molto bene ogni epoca, quindi… occhi aperti.
  • Dato che alcuni personaggi sono stati intrappolati nel passato pur provenendo dal futuro, abbiamo bambini di undici anni del 2019 che, cresciuti nel 1988, diventano genitori di adolescenti del 2019. Questo significa che i rapporti di parentela sono alquanto confusi e potrebbero diventare incestuosi. La parola d’ordine quindi dev’essere: non giudicare. In fondo i personaggi sono vittime di azioni altrui e proprie e di questa fissazione nel volere controllare il tempo. Siate clementi.
  • Come conseguenza del punto precedente abbiamo che: guardare gli alberi genealogici sulle famiglie dei personaggi in rete non è un delitto. Ce ne sono di numerosi con tanto di foto nelle varie fasi temporali. Se poi siete fanatici veri, allora consigliamo di adibire una stanza a camera delle indagini e tappezzare i muri di collegamenti e foto segnaletiche. Se siete più sobri basterà un quadernino.
  • Infine, un avvertimento. Se vedete un impermeabile giallo, una caverna buia, uccelli morti che cascano dal cielo, per favore, non entrate pure nella caverna buia. Piuttosto state a casa e guardate la terza stagione di Dark.

Leggi anche: