Rincaro dei sacchetti biodegradabili: 5 alternative hipster per la spesa

The Millennialist
3 Gennaio 2018
1459 Visualizzazioni

Mi si nota di più se vado all’Esselunga con la reticella hipster o con il carrellino a quadrettoni? Gran dilemma che passa dal mondo pensionistico direttamente al tartassato millennial italiano medio dopo il rincaro dei sacchetti biodegradabili per frutta e verdura

Sì a quadrettoni o in corda, con grafiche hipster: i carrellini per la spesa tornano dal passato. Come le retine di moda. Magari li avrete notati anche voi fra le corsie del vostro supermercato di fiducia. Mai un sano individuo della X generation avrebbe potuto presentarsi in pubblico con una retina. Ma il millennial hipster, invece può. Perché oltre che ecosostenibile è un soggetto altamente risparmioso, o sparagnino, come si dice a Milano.

E, visto che sui prezzi dei sacchetti per frutta e verdura, che dal primo gennaio sono per legge biodegradabili e a pagamento è già scattata la rissa tra politici e consumatori, bisogna fare della necessità una tendenza. La cifra per ogni sacchetto oscilla tra 1 e 3 centesimi: inviperiti i consumatori hanno iniziato a postare sui social foto di scontrini e sotterfugi per evitare quello che il Codacons ha già definito un ennesimo «balzello».

L’aumento dei sacchetti biodegradabili – Un rincaro che costerà al consumatore e alle famiglie tra 4,17 e 12,51 euro all’anno. Tra una spesa e l’altra salta fuori che ne consumiamo 417 all’anno di sti sacchetti biodegradabili. Mica cotiche. Ma sembrava che l’hipster non aspettasse altro che esibire l’assurdo ausilio rotellato visto e rivisto sui siti di moda.

C’è chi osa la vernice – Oh mio Dio! Il carrellino di vernice manderebbe in visibilio ogni Zoolander che si annida dentro il millennial. Questo autunno è stato un vero e proprio boom, con un aumento del 20%», ha spiegato a Patrik Oberlin dello shop online specializzato in accessori crazybags.ch, «sono pratici, inoltre hanno un design davvero fico e spesso si possono ripiegare su sé stessi e diventano una borsa».

Per la gioia immensa dei Giovani Anziani – Deriva urbana in stile hipster o delirio di obsolescenza precoce della tribù hipster dei Giovani Anziani? Ombretta Pazzaglia li importa dalla Cina e si frega le mani: «È bastata una verniciata di colore e una grafica hipster per venderne oltre 30-40 al mese su Etsy». Su Amazon i più venduti sono quelli di Gimi e di Foppapedretti (qui sotto).

L’hipster millennial urbano fa car sharing, dunque preferisce muoversi anche senza auto con un carrellino che evita fatica, È l’accessorio perfetto per chi vive in città – Dalla teoria alla pratica: il carrellino è la risposta perfetta, ci puoi fare la spesa e poi portare tutto a casa tua: insomma, è fichissimo (???) ecosostenibile e super fitness.

Ma ci sono alternative eco altrettanto cool. Per esempio borsoni e sacchettoni in tessuto con grafiche personalizzate. Il fai da te è cavalcato da siti come Spreadshirt.com .Baffoni, barba, occhialoni weifarer ecc. Ogni shopping bag è un messaggio hipsterico. Ci vediamo all’Esselunga (o al Carrefour, o al Liedl o dove volete).

 

LEGGI ANCHE:

Scarpe rosa millennial con il tacco: quali prospettive?

Vestirsi come in Dinasty per risultare insopportabili

Ci mancava solo la giornata mondiale del velluto a coste