Sono Giapponese! Lesson 40. Distributori automatici strani: i tre più assurdi dell’assurdo Giappone

25 luglio 2018
3 Condivisioni 486 Visualizzazioni

Non sai dove andare trovare il souvenir particolare dal Giappone? Elementare. Vai a Haneda, aeroporto di Tokyo adiacente al suo centro, e troverai una serie di distributori automatici strani. Almeno per voi sottosviluppati pelosi. Per il ragazzo giapponese, cioè per me, sono invece squisitamente wow wow.

Lo sai che in giapponese il distributore automatico viene chiamato Gidoh-Hambaiki, detto Gi-hanki? Il Gi-hanki ti serve anche per trovare il souvenir particolare in Giappone. Non solo sigarette, bevande e altre cose banali che si comprano al Gi-hanki.

Fra i luoghi turistici l’aeroporto di Haneda, Tokyo, spicca anche perché è dotato di una serie di distributori automatici strani appunto rivolti a uno spaesato come te, scemo San! Hihihih.

Veramente quei distributori automatici strani hanno una vasta gamma di prodotti maggiormente trasportati da diverse altre province fuori Tokyo. Allora, oggi ti presento i tre più accattivanti di assoluto. Vamos!

1. Il primo Gi-hanki vende il preparato di ramen, in giapponese chiamato Instant-Ramen (all’inglesismo). Fra i preparati in vendita, una roba aggettante come presenza è il Mikyan-Ramen (€2,00), ramen impastato di mandarino. Viene da Ehime, provincia ben nota per la sua produzione del mandarino. A seguire, il Mayo-Ramen (€2,50) proveniente da Osaka. Ghe ne minga. Il ramen e la maionese (Mayo). Gli osakesi hanno un altro spirito. Complimenti (loro un po’ occidentali dentro cranio).

2. È il secondo Gi-hanki a vendere il preparato di curry con…ciliegie. Ripeto? Il curry con ciliegie. Attenzione, anche perché un pezzo costa tre volte di più di un preparato di curry qualsiasi. Vai a provare questo “Sakurambo Curry” proveniente dalla provincia Yamagata, ben nota per la produzione delle ciliegie. Ed è per questo che il loro Gi-hanki ti aspetta anche con altri prodotti alimentari in base alle ciliegie. Bubusettete!

3. Il terzo invece viene da Fukuoka, la città più grande nell’isola di Kyusyu. A est di Hiroshima. Fukuoka è famosissima per il suo ramen al sugo e gusto di Tonkotsu. Un sapore forte e intensivo. Ecco perché anche il suo distributore automatico promuove una serie di prodotti di ramen. A parte la stranissima disposizone del prodotto proprio in mezzo al cioccolato alla fragola, il ramen di Kyusyu ha la garanzia di un buon sapore. Qui il preparato costa €1,00.

I distributori automatici strani sono al primo piano dell’aeroporto di Haneda, zona dell’ANA. I loro prodotti sono particolari e simpatici come l’umorismo del sacro maestro muto Katsuo Batsuo e del suo burattino a forma di vuoto nebbioso.

LEGGI ANCHE:

Sono Giapponese! Lesson 39. Come preparare sashimi supremo? Ecco come fanno nei migliori ristoranti di Tokyo

Sono Giapponese! Lesson 38. Alluvione in Giappone, la più grave degli ultimi 30 anni: qual è la situazione?

Sono Giapponese! Lesson 37. Situazione tifoni Giappone: frane e alluvioni in corso

Sono giapponese! Lesson 36. Come funziona il sushi kit? I consigli del ragazzo giapponese!

Sono Giapponese! Lesson 35. Hiroshima è la città da visitare in Giappone per immergersi nel vuoto verde

 

Potrebbe interessarti

Sono Giapponese! Lesson 50? Come affrontare le riunioni di lavoro? Ce lo insegna il Giappone!
Appuntamenti
21 visualizzazioni
Appuntamenti
21 visualizzazioni

Sono Giapponese! Lesson 50? Come affrontare le riunioni di lavoro? Ce lo insegna il Giappone!

Kentaro Hara - 21 ottobre 2018

Come affrontare le riunioni di lavoro in Giappone? Cerca di non essere considerato presuntuoso, altrimenti devi accettare l’ordine silenzioso dei…

Scarpe V design: lusso intelligente per Millennial dal cucchiaio di legno
Moda
7 condivisioni94 visualizzazioni
Moda
7 condivisioni94 visualizzazioni

Scarpe V design: lusso intelligente per Millennial dal cucchiaio di legno

Consuelo Crespi - 20 ottobre 2018

Le scarpe V design sono un connubio di lusso e minimalismo, e un ritorno all’artigianalità italiana. Per Millennial che, al…

Something in the Way testo: i Nirvana ci hanno rovinato l’adolescenza  
Cultura
3 condivisioni69 visualizzazioni
Cultura
3 condivisioni69 visualizzazioni

Something in the Way testo: i Nirvana ci hanno rovinato l’adolescenza  

Consuelo Crespi - 19 ottobre 2018

Questa mattina mi sono svegliata e, scrollando le varie pagine social, una notizia spaventosa mi è capitata davanti agli occhi. “NIRVANA REUNITED”, con l’immagine…